Lean Six Sigma

Lean Six Sigma nasce dalla sinergia di due metodologie di gestione per eccellenza: Six Sigma (di matrice americana) utile per la e riduzione dei difetti, e Lean Production (di matrice giapponese), conosciuta anche come produzione snella, che hanno contribuito alla svolta nella gestione dei processi industriali.

Il suo nome deriva da "sigma", che è un simbolo dell’alfabeto greco utilizzato nel mondo della statistica per misurare l’oscillazione di un parametro rispetto alla media (la deviazione standard) e da "sei" che è il livello massimo di qualità raggiungibile applicando questo strumento (più sigma ci sono, infatti, e più il processo è stabile e quindi meno soggetto alla varianza).

Si tratta di una metodologia basata sulla riduzione degli sprechi e sull'eccellenza. Lean Six Sigma è un approccio rigoroso al miglioramento continuo basato sull’analisi dei dati, sulla centralità delle esigenze dei clienti, su fondamenti di statistica e sull’orientamento ai risultati.


Una metodologia basata sulla riduzione degli sprechi

Lean Six Sigma è un approccio volto al miglioramento aziendale e orientato alla riduzione degli errori in tutti i processi lavorativi. Gli errori nei processi sono causa di effetti collaterali indesiderati, tra cui difetti e operazioni inefficienti.

Molte tra le più grandi società del mondo hanno adottato questo approccio volto al miglioramento aziendale. La riduzione sistematica degli errori assicura processi di alta qualità che, a loro volta, garantiscono la soddisfazione dei clienti e l'incremento dei profitti.


DMAIC: uno strumento di controllo

La metodologia Lean Six Sigma utilizza il DMAIC come modello di approccio e controllo dei processi, e si compone di 5 fasi:

  • Defining (definizione)
  • Measuring (misurazione)
  • Analyzing (analisi)
  • Improving (miglioramento)
  • Controlling (controllo)

Durante la fase chiamata Define i responsabili del progetto dovranno individuare lo scopo del lavoro.

La fase Measuring consente di creare una mappa del processo sotto esame e la raccolta di tutti i dati necessari per poter impostare un lavoro efficace di analisi.

Gli obiettivi della fase Analyzing è quello di verificare e comprendere le cause del problema in esame tramite l’analisi dei dati.

Improving consente di progettare la soluzione più adatta a risolvere il problema preso in esame. La fase Controlling fornisce un feedback e il controllo sull’attività.